mercoledì 31 maggio 2017

Parallelismi: Lanzetti e suoi “Numi Tutelari”, di Alberto Sgarlato


Parallelismi: Lanzetti e suoi “Numi Tutelari”

di Alberto Sgarlato

Quando si parla di cantanti italiani che hanno lasciato un segno indelebile nel rock prodotto nella nostra nazione indubbiamente uno dei primi nomi che salta alla mente è quello di Bernardo Lanzetti. Per innumerevoli motivi, certo, che vanno dalla tecnica alla bellezza timbrica, ma soprattutto perché ha svolto un ruolo davvero pionieristico nell’allontanare le sonorità della “musica leggera italiana” (all’epoca la si chiamava così) da quell’alone di provincialismo che fino a quel momento l’aveva contraddistinta, per importare stili e modelli all’epoca davvero inediti (frutto anche delle esperienze da lui accumulate all’estero). Inoltre, mentre altre bands di prog-rock italiano facevano “anche” i dischi in inglese (affidandosi anche a parolieri illustri, come Pete Sinfield dei King Crimson nel caso della PFM), traducendo brani già editi in italiano, o inserivano un’alternanza di tracce in inglese e in italiano (si pensi a “L’Uomo” degli Osanna), Lanzetti sceglieva coraggiosamente l’idioma d’Oltremanica come mezzo comunicativo d’elezione. Ma nell’esaminare la carriera di un artista non si può prescindere da un’attenta analisi dei predecessori che maggiormente l’hanno influenzato: del resto ogni forma d’arte, ogni espressione creativa è, a suo modo, frutto dell’evoluzione di linguaggi precedenti. Così come Chris Squire degli Yes non ha mai nascosto la propria ammirazione per John Entwhistle degli Who e Keith Emerson ama citare i compositori russi e dell’Est Europeo a cavallo tra ‘800 e ‘900, solo per fare un paio di esempi, ovviamente anche Bernardo Lanzetti, nelle sue esecuzioni vocali, lascia trasparire delle affinità con altri cantanti che hanno lasciato un segno tangibile nella storia del rock.
E parlando di Lanzetti, ovviamente, il primo nome che viene in mente è quello di Peter Gabriel nel suo periodo con i Genesis. Se lo ascoltiamo attentamente, il primo elemento caratteristico di Gabriel è la dizione, davvero particolare. Nelle sue strofe, parole anche apparentemente comuni assumono toni ieratici in base a come vengono pronunciate. Le vocali sono sempre lunghe e aperte, sembra quasi che “L’Arcangelo” (come veniva soprannominato in Italia negli anni ’70, per via del suo cognome) queste vocali le “arrotondi” in bocca, tenendole calde per poi farle esplodere incidendo drammaticità. Facendo un paragone con un altro grandissimo del suo tempo, anche Peter Hammill ha queste vocali lunghe, ma il leader dei Van Der Graaf invece le scandisce, secche, violente, usandole come trampolino di lancio per certe consonanti, come le nasali (fate caso a come Hammill pronuncia la parola “alone”, quasi un suo marchio di fabbrica). Per questo Hammill è poco accomunabile a Lanzetti: il cantante dei VDGG è più oscuro ed inquietante nelle sue interpretazioni. In Gabriel, al contrario, queste vocali “rotonde” addolciscono (all’opposto che in Hammill) anche le consonanti: la L o la S trema, quasi incerta, nella sua voce, contribuendo a quel tocco di malinconia di certe atmosfere. Chi ha visto dal vivo le più fedeli tribute-band dei Genesis avrà notato che tutto ciò impone nei cantanti-clone un certo sforzo muscolare: per riprodurre la scansione del cantante di riferimento i suoi emuli sono costretti a contrazioni del viso, tensioni delle labbra e delle guance. Ciò avviene non solo nei tributi, ma anche in certe bands di new-prog che si impongono di riproporre in tutto il modello gabrielliano, si pensi a nomi come i Citizen Cain o gli Agents of Mercy.  Tutto questo in Bernardo Lanzetti non è affatto vero: le sue interpretazioni vocali sono spontanee, naturali, prive di ogni forzatura. E pare quindi che certe sue similitudini con uno dei cantanti più amati del prog-rock siano un vero dono di natura. Negli Acqua Fragile sono soprattutto le costruzioni chitarristiche più acustiche e gli arpeggi dell’organo a sottolineare una parentela con i momenti più delicati dei Genesis, quelli di “Trespass” e di “Nursery Cryme”. Nell’album “Chocolate Kings” della PFM, che ci propone invece per molti tratti un Lanzetti più rock, succede una cosa strana: riascoltando oggi la title-track balzano subito alla mente delle similitudini con Fish, l’ex-cantante dei Marillion, che però, rispetto al disco della PFM, giungerà agli splendori della ribalta quasi 10 anni dopo! Che sia Fish ad aver ricevuto una mai dichiarata influenza di Lanzetti? Non a caso spesso l’ex-leader dei Marillion è stato definito, soprattutto a inizio carriera, il Nuovo Gabriel. Ma qui c’è un ulteriore elemento di sorpresa: Fish, infatti, è scozzese di Edimburgo, quindi siamo di fronte ancora a un altro tipo di pronuncia. Dalla fine dell’esperienza con la PFM in poi, per la verità, Lanzetti si è sempre più affrancato dall’influenza gabrielliana, “rispolverandola” soltanto in tempi recentissimi con il progetto CCLR, complici i crescendo di mellotron dell’ottimo Cristiano Roversi, che in più di un caso tradiscono una devozione verso Tony Banks. Ma ritorniamo in Italia. E parlando di rock, di Italia, ma soprattutto di voce, non si può non citare Demetrio Stratos che, nonostante fosse un greco nato in Egitto, quando ha sfondato come cantante era da tempo naturalizzato italiano. Nell’arte in generale e nella musica in particolare è sempre abbastanza insensato e anche piuttosto brutto parlare di “il disco più bello” o “il musicista più bravo”, perché non è giusto fare delle gare laddove entrano in ballo criteri di emotività, sentimento, soggettività. Ma stavolta, dicendo che Demetrio Stratos è stato uno dei più grandi cantanti al mondo, non si deve aver paura di sbagliare o di esagerare: da un punto di vista tecnico, infatti, Stratos è riuscito a portare avanti esperimenti sulla diplofonia (controllare le diverse vibrazioni delle corde vocali in modo da generare più suoni simultanei) e sull’estensione dal sovracuto al gravissimo che in pochi altri al mondo hanno condotto (tra cui l’americana Diamanda Galas, guarda caso anch’essa di origine greca… che ci sia l’aria buona per la voce, da quelle parti?), mentre sotto l’aspetto interpretativo un po’ di Stratos c’è in tutti i cantanti italiani venuti dopo di lui. Bernardo Lanzetti da Stratos ha saputo imparare la sobrietà. In che senso? Nel senso che Stratos nelle sue interpretazioni più melodiche (non in quelle sperimentali) era sempre molto enfatico nel suo cantato. Ma sapeva esserlo con gusto e con un grande senso della misura. Tutti quelli che sono venuti dopo, attingendo da questa fonte, hanno esagerato risultando così spesso sgraziati, innaturali o persino al limite della caricatura (avrei in mente diversi paragoni, ma non voglio querele…). Lanzetti ha avuto l’intelligenza e la sensibilità di cogliere le sfumature di pathos (parola greca!) di Stratos (scusate la rima) restando sempre entro i limiti più consoni.
La storia del rock è fatta di artisti che entrano nel cuore di tutti e di altri che, chissà perché, conquistano più l’interesse degli “addetti ai lavori”, cioè di chi fa musica, più che del grande pubblico. Questo è un po’ il caso di Roger Chapman, cantante inizialmente dei Family e poi di diversi altri progetti solisti. Da “Chappo” il nostro Bernardo Lanzetti ha acquisito le componenti più “acide” della sua voce: l’uso del tremolo soprattutto sulle note lunghe e sui toni alti e un graffiato nella voce che rende Lanzetti (come lo stesso Chapman) più vivacemente “black” rispetto ad altri artisti del prog italiano, nei quali la componente della musica nera era ben più irrilevante. Del resto Bernardo è uno che da ragazzo in America accendeva la tv (lo racconta lui stesso) e scopriva la magia del soul, del rhythm’n’blues, delle cantanti che ballavano scatenate davanti alle telecamere, mentre in Italia avevamo ancora il Sanremone in bianco e nero con i Claudio Villa in giacca e cravatta. Era inevitabile che, in quel boom d’amore che la nostra nazione negli anni ’70 tributava al rock progressivo, Lanzetti riuscisse a instillare gocce di sound nero, come del resto in Inghilterra facevano i Traffic, i Colosseum e, appunto, proprio i Family di Roger Chapman.
Ma c’è ancora un “outsider” che merita di essere citato come ispirazione, consapevole o inconsapevole, di Bernardo Lanzetti: quando si parla di Gentle Giant viene quasi sempre messa in luce la loro impressionante abilità di polistrumentisti, o la perizia nel costruire armonie vocali ineccepibili, e ingiustamente si trascurano le loro ottime doti timbriche come solisti. Eppure erano cantanti di grande carisma interpretativo, soprattutto Derek che, fra i tre fratelli e il tastierista Kerry Minnear, anche lui cantante solista, era quello più “nero”. Non a caso Derek era stato, da giovanissimo, cantante solista proprio di una soul e rhythm’n’blues band, che si chiamava Simon Dupree & the Big Sound e questo suo amalgama di grinta da soul-singer ed enfasi interpretativa tipica del prog lo si può ritrovare anche in Lanzetti. Non ci credete? Provate ad ascoltare in sequenza la seconda parte di “Peel the paint” dei Gentle Giant, su “Three Friends”, quella più dura, cantata proprio da Derek (mentre l’intro, più intimista e meditativa, la canta Phil), e poi ascoltate “Comic Strips”, degli Acqua Fragile: il mood che attraversa i brani è lo stesso, la carica di rabbia infusa da Lanzetti nelle sue parti soliste è vicina alle impennate shulmaniane e le armonie vocali regalano costruzioni non poco vicine a quelle dei Gentle Giant.


giovedì 25 maggio 2017

Bernardo Lanzetti: Tributo a Bob Dylan il 19 giugno


Bernardo Lanzetti
“Poesia e Canzoni”
Tributo a Bob Dylan
Zoagli (GE)-19 giugno

Le canzoni sono da considerarsi poesia?
Molto si è discusso di ciò in passato e finalmente, in occasione del Premio Nobel a Bob Dylan, si è arrivati a questo enunciato:

-I testi delle canzoni sono poesia ma nella cosiddetta tradizione della “poesia orale”.

Insomma Bob Dylan, Leonard Cohen, JaqueBrel, Fabrizio De Andrè e via cantando, sarebbero più propriamente gli eredi di Omero e Saffo piuttosto che colleghi di Garcia Lorca o Giacomo Leopardi.

E’ in questa ottica che Bernardo Lanzetti, già dagli anni ‘60 cultore e interprete dei lavori Bob Dylan, intende porgere questo suo concerto riallacciando le emozioni del passato alle consapevolezze del presente.

Unico artista italiano citato nell’enciclopedica “Bob Dylan Covers”, opera web che raccoglie tutti gli artisti che hanno omaggiato, con incisioni e pubblicazioni, il menestrello di Duluth,
Bernardo suonerà, canterà e sarà narratore di episodi e aneddoti sulla vita del premio Nobel.



martedì 23 maggio 2017

Nuovi frammenti da Londra...


 Denmark Street, Londra


Teatro Palladium, Londra. In attesa del concerto di Steve Hackett


Con l'amico autore Nick Clabburn a firmare  canzoni...


sabato 13 maggio 2017

Bernardo Lanzetti in Polonia...


Cracovia, Piazza del Mercato

Dice Bernardo: “A distanza di 60 anni sono tornato a Cracovia, e ho scoperto che il mio polacco non serve più! Tutti parlano - e suonano - in inglese! “Hey Jude…”





Ma sembra che qualcuno si ricordi ancora di me!”





Pinball Wizard

martedì 9 maggio 2017

Prima dell'Acqua Fragile...


Ecco una foto storica  di Bernardo del periodo 1969/70, che propone il “complesso” - questo era il termine utilizzato allora - degli "IMMORTALI".
Alla batteria Piero Canavera (che sulla cassa mostra un disegno di Bernardo).
Dopo poco Lanzetti si sarebbe trasferito per sei mesi negli USA e Gino Campanini avrebbe preso il suo posto.
Al suo ritorno, con il reintegro nella band e l'innesto di Franz Dondi e Maurizio Mori, nacquero gli Acqua Fragile.





giovedì 4 maggio 2017

Un video fantastico per ricordare il VOX40: Mornig Comes

Fotografia di Renzo De Grandi

Sono passati quasi quattro anni da quando andò in scena il VOX40, evento realizzato da Bernardo Lanzetti con la collaborazione di molti ospiti/amici: era il 28 Maggio 2013.
Quella serata magica è racchiusa in un DVD i cui dettagli sono fruibili al seguente link:


Difficile trovare immagini e tecniche di montaggio così efficaci.
Uno dei momenti più emozionanti ha riguardato la riproposizione di un brano storico di Acqua Fragile, performato con l’ausilio della Tango Spleen Orquestra, diretta dal Maestro Mariano Speranza: Morning Comes.

Da non perdere…