martedì 19 settembre 2017

Acqua Fragile's new album: Bernardo Lanzetti telling us... 2° PART


Esoteric Antenna & Cherry Red Records are very pleased to announce the release of the new album by Italian Progressive Rock legends Acqua Fragile.

A New Chant features original members Piero CanaveraFranz Dondi and Bernardo Lanzetti, who have reunited after forty-four years to record brand new material.
The project is also notable for the presence of some very special guests, including Pete SinfieldNick ClabburnTango Spleen and Grammy Award winning drummer Jonathan Mover


Acqua Fragile - A New Chant is released on Esoteric Antenna on October 14th 2017

Acqua Fragile # 3
History


Second episode

Bernardo telling us:

Ok! We had no dedicated hands on keyboards but we could have strings, piano and intriguing bandoneon from Tango Spleen!
Some minor health issue would, temporarily, keep Piero away from his kit?
Well, Alessandro Mori could drum along!
Alessandro Sgobbio, formerly with “Acqua Fragile Project” (an experiment carried on by Franz Dondi where young musicians would live perform A F music, around 2005) and now jazz pianist and composer for “Charm”,  “Pericopes+1” e “Debra’s Dream”, popped in at Elfo Studio to do a flashy synth solo.
Michelangelo Ferilli, also from “A F P ”, left some guitar arpeggios!
I had been quite busy in the last two years so I thought I could get some help with lyrics.
The idea came up after working around a nice short poem by Pete Sinfield turning it into a touchy song. Mr.Sinfield loved it so I moved on along getting friend Nick Clabburn...


John Hackett’s lyricist, to put words on another track. Italian friend Andrea Anzaldi, after being a musician in the US for ten years, had been chosen to work on A F oldest numberas my original lyrics got lost over the years.

As special guest, we were lucky to have US drummer Jonathan Mover), (Joe Satriani, GTR) on the trickiest piece of the album succeeding in making a quite complicated composition sound simple.

Though some additional actions were taken in centre Italy and Costa del Sol in Spain...

... main recordings took place at Elfo Studio...


... in Tavernago (PC) Italy where sound man Alberto Callegari was sharp and patient enough to produce it.



For the album cover, we could pull out an original 1973 drawing by Alberto Baroni (Acqua Fragile #1) and Gigi Cavalli Cocchi), previously recording with CCLR and on stage for VOX 40 as a drummer, did all the art work.



giovedì 14 settembre 2017

Acqua Fragile's new album: Bernardo Lanzetti telling us... 1° PART


Esoteric Antenna & Cherry Red Records are very pleased to announce the release of the new album by Italian Progressive Rock legends Acqua Fragile.

A New Chant features original members Piero Canavera, Franz Dondi and Bernardo Lanzetti, who have reunited after forty-four years to record brand new material.
The project is also notable for the presence of some very special guests, including Pete Sinfield, Nick Clabburn, Tango Spleen and Grammy Award winning drummer Jonathan Mover


Acqua Fragile - A New Chant is released on Esoteric Antenna on October 14th 2017

-----------------------------------------

Acqua Fragile # 3
History
first episode

Bernardo telling us:

In may 2013, I did celebrate my forty years in music with a unique event called “VOX 40” .


Welcomed by an exhibition of my artwork, the audience attended a concert where up to twenty seven musicians gathered to play tracks off the different bands Bernardo Lanzettihad done vocals for, over the years.
On that occasion, all five original members of Acqua Fragile happened to meet...


... after a long while and Piero Canavera on drums plus Franz Dondi on bass, even got a chance to play a couple of tracks off “Acqua Fragile” and “Mass Media Stars” along with Tango Spleen, a smart modern classical ensemble.


The idea of working on a new album took form quite naturally even though Gino Campanini (guitar and vocals) and Maurizio Mori (keyboards) confessed could not join in. Quite nice though, Alessandro Mori, Maurizio’s son - a talented young drummer previously with Glenn Hughes and Bobby Kimball - right after that show, suggested he could be guest on one of the brand new tracks.

The start off was not that easy. The band wanted to keep A F vocal harmonies but we were missing one voice and we had no key man!
A few subjects, hanging around the band, enthusiastically, were giving suggestions and advices resulting in slowing down the whole project.
Several keyboardists and guitarists showed up and quit but we had a bit more of luck with Alessandro Giallombardo on guitar, backing vocals and keys too.


Even though he wouldn’t join the band, Piero, Franz and Bernardo could get enough energy to carry on the project.


To be continued in the next days...


lunedì 11 settembre 2017

La copertina del prossimo album degli Acqua Fragile. "A New Chant".


Finalmente arriva la copertina del nuovo album degli Acqua Fragile, “A New Chant”.

Bernardo Lanzetti racconta qualcosa al proposito:

La cover è stata realizzata a china e tempera da Alberto Baroni, artista che già celebrava la primissima copertina del 1973. 

La grafica è dell'amico e compagno di avventure Gigi Cavalli Cocchi. Il tutto simboleggia "Invito a un concerto".



domenica 10 settembre 2017

The cover of the upcoming Acqua Fragile album, "A New Chant".


Finally, the cover of the new album of Acqua Fragile, "A New Chant", is know.

Bernardo Lanzetti  tells something about this:

"The cover was made in indian ink and tempera by Alberto Baroni, an artist who already dsigned the first cover in the 1973.

My friend Gigi Cavalli Cocchi has made the graphics".


lunedì 4 settembre 2017

Acqua Fragile – A New Chant: gli ospiti italiani


Prosegue e termina la rassegna degli ospiti di “A New Chant”, prossima uscita discografica degli Acqua Fragile.

Dopo aver scritto degli “stranieri”, Pete Sinfield, Jonathan Mover e Nick Clabburnsi è passato agli italiani Tango Spleen.

Terminiamo con gli ultimi ospiti “di casa nostra”.

Curiosamente, a uno dei testi in inglese, ha collaborato Andrea Anzaldi, bassista chitarrista che, dopo vari anni passati negli USA è anche attivo come lyricist e già ha partecipato con Bernardo a altre produzioni.

Dall’esperienza del 2005, Acqua Fragile Project - una band assemblata da Franz Dondi per riproporre live i primi due album di Acqua Fragile – sono intervenuti il chitarrista Michelangelo Ferilli e il tastierista Alessandro Sgobbio.

Alessandro Sgobbio

Il primo ha registrato alcuni preziosi arpeggi di chitarra acustica e il secondo, attualmente attivo nel campo del Jazz con i gruppi “Charm”,  “Pericopes +1” e “Debra’s Dream”, ha fatto fuochi d’artificio con un assolo di synth.

Il chitarrista Alessandro Giallombardo, già ospite di Bernardo nell’album “Eclecticlanz” (Cd) e vocalist nel concerto-evento “VOX 40”(Cd+DVD), ha suonato anche le tastiere.
Pur non avendo collaborato a tutti i brani dell’album, importante è stato il suo lavoro a tutto campo, compresi alcuni arrangiamenti e pre-produzioni.

Alessandro Giallombardo

Infine, ospite alla batteria in uno dei pezzi più travolgenti, abbiamo Alessandro Mori. Intervenuto al concerto del VOX 40 con il padre Maurizio, storico tastierista dell’Acqua Fragile; Alessandro in questi ultimi anni ha collaborato con artisti internazionali quali Glenn Hughes, Steve Lukather e Bobby Kimball.

Alessandro Mori



venerdì 25 agosto 2017

Gli ospiti italiani del nuovo album degli Acqua Fragile:Tango Spleen


Acqua Fragile – A New Chant
Ospiti italiani

Nel nuovo disco di Acqua Fragile, oltre agli ospiti stranieri di cui si è già scritto (a fine articolo è possibile trovarne un riassunto) ci sono, naturalmente, anche quelli di casa nostra.

Partiamo con la presentazione di Tango Spleen, ensemble che ha già collaborato con Bernardo Lanzetti in occasione del VOX 40.



Tango Spleen è un progetto musicale affermato e apprezzato a livello internazionale.
Nato dall’iniziativa del suo direttore, il cantante pianista e compositore argentino Mariano Speranza, Tango Spleen coniuga la tradizione della musica popolare argentina con la continua ricerca della propria evoluzione stilistica e compositiva, rivelandosi come uno dei punti di riferimento del genere del tango e della sua avanguardia contemporanea.
L’ensemble si esibisce in palcoscenici prestigiosi e festival internazionali in Italia, Argentina, USA, Francia, Norvegia, Olanda, Corea dl Sud, Russia, Moldavia, Ucraina, Principato di Monaco, Slovenia, Regno Unito, Svizzera, e Germania, conquistando pubblici eterogenei.
E’ una delle orchestre più ambite dei festival internazionali di tango, e la sua musica originale è colonna portante di coreografie , documentari e film.
Grazie al carattere e alla versatilità musicale, Tango Spleen abbraccia collaborazioni significative. Tra cui si ricordano la storica voce del rock progressivo italiano Bernardo Lanzetti e il tour europeo della cantautrice uruguaiana - disco di platino - Malena Muyala;
nel 2014, a Mosca, l’ensemble entusiasma pubblico e critica accompagnando il tenore, star mondiale dell’opera, Marcelo Alvarez- “Giovani virtuosi creano vera magia sul palco!”, con la recente replica presso The Broad Stage de Santa Monica, in California.
Si esibisce al fianco dei migliori ballerini di tango ed è protagonista musicale di rinomate compagnie e spettacoli di danza.
Ha pubblicato tre album: “Mariano Speranza Tango Spleen” (2010) vincitore del concorso “Suoni senza Confini”, “Tipico” - in omaggio alle grandi orchestre della storia del genere -e “Canto para seguir” (2015), “un amalgamiento instrumental y musical realmente magnifico”.



La formazione attuale e presente nell’album “A New Chant” è la seguente:

Mariano Speranza/piano and direction, Elena Luppi/viola, Andrea Marras/violin, Francesco Bruno/bandoneon,  Gian Luca Ravaglia/upright bass, Yalica Jo Gazan/cello.

Gli ospiti stranieri già presentati sono: 






mercoledì 16 agosto 2017

Gli ospiti stranieri del nuovo album degli Acqua Fragile: Nick Clabburn


Prosegue, passo dopo passo, la scoperta degli ospiti del prossimo album degli Acqua Fragile,A New Chant”, la cui uscita è prevista per il 14 ottobre 2017.

Dopo aver scritto di Pete Sinfield  e di Jonathan Mover, ecco arrivato il momento di scoprire Nick Clabburn.

                                               ----------------------------------------------------

Tutti i dormienti ti mandano i loro sogni”, sono queste la parole di Nick Clabburn catturate da Steve Hackett e Jo Lehmann e inserite nel brano “Sleepers”.

Il potere evocativo dei sogni ha colpito anche Bernardo Lanzetti, che racconta quanto segue a proposito di Clabburn e della loro collaborazione:

"Nick Clabburn fu cresciuto nella Londra bohemian, adottato da una coppia di aristocratici senza figli che lo avevano trovato, ancora in fasce, abbandonato in una scatola fuori dai grandi magazzini Harrods.
Frequentò la stessa scuola dello scrittore Tim Parksa e di musicisti come Christopher Warren Green e John Hackett. Fu proprio attraverso John che scoprì la musica dei Genesis e assistette a molti dei loro primi spettacoli. Nick poi divenne un fan del Kraut Rock, soprattutto dei Can, notevolmente influenzato dalle loro improvvisazioni, dai ritmi e dalla voce potente di Damo Suzuki.
Nello stesso periodo iniziò a sperimentare con la fotografia e a frequentare il London College of Printing.
Nick ha scritto liriche per due degli album di John Hackett - Checking Out of London e Another Life – e ha collaborato all’album di suo fratello Steve con il bassista degli Yes, Chris Squire.


Clabburn vive tra Londra e l’Italia, continuando a scrivere testi e, attualmente, anche lavorando a un progetto di fotografia.

Ho conosciuto Nick a Orvieto nell’occasione del Dusk Day-2009, cui partecipavano anche i fratelli Hackett. Parlando con mia moglie Amnerys, fashion designer, anch'essa presente, risultò che l’ufficio di Londra degli importatori delle sue collezioni era nello stesso quartiere della casa d’infanzia di Nick.
Fu così che Nick, presso i suoi amici, cominciò a vantarsi di conoscerci da tempo perché vicini di casa…
 Da allora Nick e il sottoscritto si sono frequentati spesso sia a Londra sia in Italia dove è stato più  volte ospite a casa nostra, oppure ha propiziato la mia apparizione con Steve Hackett a Cortona.
Averlo ospite come paroliere in uno dei brani di Acqua Fragile è un grande onore e mi ha permesso di esprimermi al meglio anche come puro interprete.


lunedì 7 agosto 2017

Gli ospiti stranieri del nuovo album degli Acqua Fragile: Jonathan Mover


A F “A New Chant”: Special guest Jonathan Mover

Raccontare la vita professionale di Jonathan Mover, anch’esso ospite del ritorno discografico dell’Acqua Fragile,  richiederebbe svariate pagine e tempi lunghi, certo è che, dopo aver parlato recentemente di Peter Sinfield (cliccare qui) Mover consente di mantenere alto il livello dei guests.
Etichettato come il “batterista preferito dai chitarristi”, limitiamoci a segnalare le stratosferiche collaborazioni nei progetti Marillon, GTR (tra Steve Howe e Steve Hackett) e Alice Cooper.
Dotato di incredibile preparazione tecnica, unita all’estrema professionalità, è considerato uno dei più quotati session man in circolazione.
E che dire del suo lavoro in studio di registrazione?
Bernardo Lanzetti ci racconta come è avvenuta la loro conoscenza e come si è evoluta la collaborazione che ha portato Mover a diventare pedina del nuovo album “A New Chant”.

Jonathan Mover e Bernardo Lanzetti

Nel 2013, l’amico batterista Sergio Ponti (Beggar’s Farm) si trovava a Londra per un concerto del suo altro gruppo, i Dordeduh, alla Boston Room.
In quell’occasione gli fu presentato Jonathan Mover, di passaggio in Inghilterra, e nella conversazione che scaturì egli segnalò l’italiano Bernardo Lanzetti come suo cantante preferito.

Informato da Sergio, naturalmente io, non solo contattai il famoso batterista, ma gli proposi anche di mettere i suoi tamburi sotto un paio di brani del progetto “Quasi English”, a cui stavo lavorando.
Da allora è nato tra di noi un rapporto artistico e di amicizia “long distance”, celebrato nell’ottobre del 2016 quando mia moglie e io andammo a trovarlo a Los Angeles nei nuovissimi Swing House Studios di cui è socio, dopo l’esperienza degli Skyline Sudios di New York.
Naturalmente non mancammo di registrare anche un nuovo brano per il mio album solo che andrò a terminare dopo l’uscita di quello dell’Acqua Fragile.

Il brano di A FMy Forte” featuring Jonathan Mover ha una storia molto articolata.
Dopo averlo scritto con la mia chitarra nel 2014, mi ero dilettato ad assemblare vari loop di batteria con cui risolvere il tempo “dispari” di 11/8 ma, una volta in studio, il brano sembrava non decollare finchè, IDEA!: “Lo proponiamo a Mover!
Catturato dal brano, Jonathan addirittura rilancia, proponendo un ritmo in 22/16, ma soprattutto suddividendo 22 in quattro battute rispettivamente di 7+6+5+4.
Ogni battuta diventa così diversa dalla precedente e da quella che segue!
Potevo io non abbracciare la causa in un mondo dove la musica leggera, il rap e quanto altro sono ingabbiati sempre e soltanto nel 4/4?
A questo punto avevamo una batteria meravigliosa ma non così facilmente decifrabile. Avevamo però anche l’italo-argentino Mariano Speranza e la sua “Tango Spleen Orquesta”, tutti esperti di ritmi inusitati e già inseriti nel sound Acqua Fragile con il VOX 40 prima e con il brano ”Rain Drops” (Lanzetti/Sinfield) del nuovo album.
I ragazzi si trovarono all’Elfo in una session memorabile dove registrarono tutti insieme, sulle tracce della batteria, al primo take, ogni parte che avevo scritto più la tessitura degli archi magistralmente concepita e diretta da Mariano.
Il gruppo A F si ridusse al nucleo storico quando, più tardi, Franz e Piero registrarono ulteriori cori, basso e percussioni e il sottoscritto ebbe l’idea di mettere una chitarra acustica con accordatura open aprendo il brano, a differenza della versione dove era giusto il solo Mover a dar fuoco alle polveri.
Il risultato fu sorprendente, ma adesso come avrei fatto a dire al batterista statunitense che la mia chitarra avrebbe preceduto i suoi tamburi?
Ok, non senza una certa ansia, ma fiducioso di quanto avevamo ottenuto, inviai la nuova versione al nostro special guest e questa è stata la sua risposta:

Wow! It’s a whole new song and i really likeit… a lot! Very interesting and very creative. Very happy to be a part of it. Congratulations. Very cool b!”.

Cos’altro aggiungere?
Beh, Mover è attualmente in tour con un certo… Joe Satriani, così, tanto per restare in allenamento!


venerdì 28 luglio 2017

Gli ospiti stranieri del nuovo album degli Acqua Fragile: Pete Sinfield


Aqua Fragile “A new Chant”- Special guest Pete Sinfield

Tra gli ospiti stranieri del nuovo album degli Acqua Fragile troviamo un artista immenso: Pete Sinfield.
Poeta, musicista e produttore, è noto soprattutto come autore dei testi di alcuni grandi gruppi della scena progressive britannica degli anni Settanta, uno su tutti quello dei King Crimson.

Bernardo Lanzetti racconta come è avvenuto il loro incontro e come è stato possibile arrivare a questa gratificante collaborazione.


Quando la PFM, quella originale, ancora con Mauro Pagani e Giorgio Piazza, iniziò a lavorare con il poeta dei King Crimson Pete Sinfield, il sottoscritto, Bernardo Lanzetti, era ancora con l’Acqua Fragile.
Negli anni successivi, pur venuto a sapere che Pete aveva approvato il mio arruolamento nella band milanese, non ebbi mai modo di incontrarlo, fino al 1994, ovvero quindici anni dopo la mia fuoriuscita.
Di ritorno da Los Angeles, dopo una settimana intensa di registrazioni con Beppe Cantarelli, salii a bordo di un Jumbo 747, destinazione Londra,  praticamente vuoto; oltre al sottoscritto, forse altri quattro o cinque soggetti e una sola coppia al centro di una delle sezioni del jet.
Mi capitò di guardare l’uomo e - sì- sembrava proprio Mr. Sinfield. Mi avvicinai e pure lui mi fissò chiedendomi: “Bernardo?”.
Scambiammo poche frasi e venni a sapere che lui stava tornando a casa dopo un’esperienza con Michel Polnareff. La casa discografica aveva commissionato testi in inglese per riposizionare l’artista francese.

Passarono diversi anni, fino a quando Greg Lake non venne in Italia per quel piccolo, intenso, tour che mi vide ospite sul suo palco in quel di Piacenza.
Fu in quei giorni che mi si parlò del sito di Pete Sinfield, che raccoglie non solo i suoi testi, ma anche sue poesie e haiku.
Alcune settimane dopo, nel sud della Spagna, comperai una chitarra e mi misi al lavoro per mettere in musica “Rain Drops”, una breve composizione, un gioiellino del poeta pescato nel web.



Devo dire che scrissi una delle mie migliori creazioni chitarra e voce.
Realizzai un bel provino, sempre in Spagna, che ora dovevo sottoporre a Mr. Sinfield per la sua approvazione ma, dopo problemi di salute e depressione, egli non era più raggiungibile, nel senso che lettere, email, telefonate e persino il bussare di Greg Lake alla sua porta venivano ignorati.

Un giorno, prima di un concerto con David Jackson, ex Van der Graaf Generator, egli mi racconta di aver fatto trasloco e di essersi trasferito nel Suffolk. “Dove esattamente?”, chiedo io. “Oh, in un piccolo paese dove vive anche Pete Sinfield”. La lampadina si accende immediatamente, e la storia si sviluppa in modo tale che la famiglia Jackson, addirittura in due riprese, riesce a farmi avere l’approvazione della musica/arrangiamento con tanto di firma per il deposito.

Tango Spleen venne all’Elfo a registrare in una session allargata con Franz al basso elettrico, Alex Giallombardo alla chitarra e Piero alla batteria.




giovedì 20 luglio 2017

Bernardo Lanzetti incontra Bob Geldof


Bernardo Lanzetti incontra Bob Geldof a Cortona


Bernardo ha un feeling particolare con Cortona, dove è apprezzato non solo per la sua musica a anche per la sua vena pittorica.


Bob Geldof e i Boomtown Rats sono di scena nella cittadina toscana, e l’invito a Bernardo è scattato in automatico; così, dopo l’incontro casuale di due mesi fa a Londra, ecco una nuova occasione di… scambio di opinioni!